/Storia
Storia 2017-09-12T09:24:12+00:00

La storia di Villa Fago

In un tempo molto lontano, in una terra ricca di leggende e di prodigi della natura, c’era un luogo incantato chiamato Bosco d’Aci (in latino Locus Jovis).
Era imponente e si estendeva lungo il versante orientale dell’Etna tra Acireale e Mascali, caratterizzato da maestose querce, castagni e rigogliosa flora e fauna del sottobosco.
La strada consolare Valeria lo attraversava rendendolo un luogo particolarmente propizio per il commercio, ma anche per il contrabbando poiché adorno di una fitta trama vegetativa.
Fu altresì teatro di numerose vicende tra cui l’opposizione degli acesi durante la guerra franco-spagnola.

All’inizio del XVIII secolo, però, fu gradualmente disboscato per opera del vescovo di Catania, allora conte di Mascali, che diede in concessione i terreni agli imprenditori acesi per la coltivazione di vigneti e la successiva produzione di vini e distillati spesso destinati al Nord Italia.
È proprio in questo periodo che molte famiglie aristocratiche di diverse città si insediarono nel territorio, trascorrendo qui soprattutto il periodo estivo al fine di sovrintendere ai lavori nelle cantine e aziende agricole più estese e costruendo meravigliose dimore.

“Il terreno e gli ambienti del nostro parco ricevimenti, nello specifico, sono stati oggetto di un lungo e meticoloso restauro curato dal paesaggista inglese Tony Walford che ha saputo riportarli all’antico splendore, lo stesso, che oggi rende I Giardini di Villa Fago una stupenda ed esclusiva location ideale per ogni tipo di evento.”

Privacy Policy Cookie Policy